2008

Premessa

Ente proponente (finanziatore)
COMUNE di CERIGNOLA

Ente sostenitore (cofinanziatore)
REGIONE PUGLIA

Enti patrocinanti
PROVINCIA di FOGGIA
COMUNI
di ANDRIA,BARI,MARGHERITA DI SAVOIA,MINERVINO MURGE,ORTANOVA,SAN FERDINANDO DI
PUGLIA,SANSEVERO,STORNARA,STORNARELLA,TRINITAPOLI

Il Comune di Cerignola, avviando il Progetto “CASA DI VITTORIO” a cui partecipano gli enti sopra indicati
attraverso la sottoscrizione di apposito Protocollo d’Intesa, ha voluto riprendere un percorso di memoria
rivolto al suo passato vicino e lontano, contemporaneamente avviando un percorso nuovo che da questa
memoria tragga ispirazione, investendo risorse e capacità organizzative in iniziative di forte spessore
culturale, per favorire nuova cultura, creatività e partecipazione tra le Comunità rappresentate in rapporto
alla più vasta platea nazionale.

Il 2006, con l’occasione del Centenario della Cgil, ci ha permesso di verificare e predisporci per proseguire
e organizzare al meglio le attività del 2007, che hanno visto al centro della nostra attenzione -e di quella
nazionale- il 50° anniversario della morte di Giuseppe Di Vittorio. Questa occasione è per noi un banco
di prova, per far sì che il nostro territorio assuma la responsabilità di una politica culturale volta al rilancio
dell’intero patrimonio storico, sociale e culturale che conserviamo nella nostra memoria collettiva. Nell’anno
2008 le celebrazioni del 50° anniversario dalla morte di Giuseppe Di Vittorio vedranno una intensa attività
di iniziative scientifiche, culturali e celebrative. I soggetti organizzatori di tali attività in alcuni casi già previsti
interagiranno con il Progetto Casa Di Vittorio. Il culmine delle iniziative si avrà nell’aprile – maggio 2008 con
la chiusura delle celebrazioni ufficiali nazionali per l’Anniversario.

“CASA DI VITTORIO” è, oggi, dopo circa 2 anni, l’insieme delle attività svolte e messe in cantiere, il
corpus di materiali della memoria raccolto e che s’intende proteggere e trasmettere, la rete di energie
e risorse umane che intorno al progetto si sono avvicendate. Durante questi percorsi si sono acquisite
competenze, relazioni, nuovi partner, materiali e spunti per nuovi progetti, per giungere a una “Casa Di
Vittorio” contenitore permanente per ospitare idee, iniziative e svilupparne di nuove. Dove sarà possibile
attivare un modello di agire culturale che unisca continuamente ai contenuti della memoria le forme della
ricerca di storia scritta e orale, del teatro, della musica, del cinema, dell’arte e della fotografia. Miscelando
strumenti e materiali della memoria con i linguaggi e le forme comunicative del nostro tempo; per riallacciare
così un nuovo rapporto tra le generazioni.

Il programma per il terzo anno di attività, il 2008, è articolato in fasi principali, alcune delle quali
strettamente conseguenti a quanto avviato con successo negli anni precedenti:

la prima, riguarda la costituzione dell’Associazione culturale denominata “CASA DI VITTORIO”. A tal
fine sarà necessario predisporre tutte le condizioni per l’attuazione del piano di realizzazione della stessa.
Occorre per questo avviare un percorso in direzione della struttu-razione stabile di un Centro Istituzionale,
con una propria autonomia culturale, organizzativa, amministrativa e finanziaria. In questa fase sarà
importante l’attivazione di un gruppo di persone -tra le quali la Presidente onoraria attuale del Progetto Casa
Di Vittorio Sen. Baldina Di Vittorio Berti e la professoressa Silvia Berti- che lavorerà con il coordinamento
del direttore del progetto per assicurare la continua e piena collaborazione tra l’istituenda Associazione ed il
Comune di Cerignola. In questo senso è anche da intendersi la scelta del Comune di Cerignola di destinare
ufficialmente con vincolo amministrativo l’edificio del vecchio Municipio della Città,Palazzo Carmelo, a sede
di Casa Di Vittorio. Per questo dovranno essere attivate tutte le procedure per la necessaria ristrutturazione
al fine di renderlo al più presto il luogo fisico per la “CASA DI VITTORIO” e dunque di diramazione delle
attività del progetto stesso;

la seconda, di consolidamento della rete di relazioni tra Enti, Istituzioni, Associazioni e Istituti scolastici per la
stesura – cogestita – di percorsi culturali, didattici, di ricerca scientifica, di turismo culturale e scolastico; rete
di relazione che vedrà il Progetto “CASA DI VITTORIO” al servizio -organizzativo, comunicativo e formativo-
dei soggetti partner;

la terza, di ricerca storica, recupero della memoria e riproposta attraverso i linguaggi della contemporaneità;

la quarta, di programmazione culturale che vedrà il nostro territorio (in spazi espositivi, borgate rurali, strade,
teatri, scuole e aziende) ospitare eventi culturali che avranno come filo conduttore Di Vittorio e la sua cultura
di origine, ma anche e soprattutto i temi che la sua biografia ha sempre visto in primo piano: il lavoro, la
dignità dei lavoratori, la cultura, i diritti.
La nostra cultura, le nostre storie, con le radici ben piantate nella nostra terra, hanno avviato finalmente un
percorso di confronto e conoscenza per dialogare con storie e culture di diversa provenienza.

Di seguito i punti principali in cui si articoleranno le fasi che abbiamo previsto e che sono stati anche
ripresi dalle voci provvisoriamente accantonate dal Progetto Casa Di Vittorio 2007 a causa della
obbligata rimodulazione finanziaria a cui si è dovuto far fronte:

FASE 1
“ASSOCIAZIONE CASA DI VITTORIO”. Attuazione di tutte le condizioni necessarie alla costituzione
dell’Associa-zione culturale. Realizzazione in piena e continua collaborazione con l’istituenda
Associazione del piano attività dettagliato di “Casa Di Vittorio”. A sostegno culturale delle iniziative
in fase di realizzazione e da progettare in futuro sarà impegnato anche il costituendo Comitato
scientifico dell’Associazione culturale “CASA DI VITTORIO”. Inoltre al fine di una costante e
sviluppata collaborazione saranno ancora coinvolti, in primis, rappresentanti degli Enti locali che
hanno dato vita al progetto oltre a Istituzioni culturali del territorio. Nel corso del 2007, grazie al
lavoro di pubbliche relazioni svolto dalla Sen. Baldina Di Vittorio, si è già verificata la disponibilità di
un’ampia schiera di rappresentanti nazionali del mondo culturale, sindacale e politico a far parte del
Comitato scientifico della costituenda Casa Di Vittorio.
“LA CASA“. Indicazione amministrativa e vincolo sulla sede “CASA DI VITTORIO” (Palazzo
Carmelo, ex Municipio), con allegata progettazione spazi e strutture per il contenitore materiale dei
documenti e delle iniziative. Predisposizione della sede provvisoria con allestimento di una mostra
permanente (vedi FASE 4 – Primo Maggio), di un deposito per i materiali realizzati e una sezione
Archivio provvisorio per le accessioni (libri, tesi, fotografie, documenti, materiali multimediali).
Creazione del Fondo “Di Vittorio”. Acquisizione (in originale o in copia) di pubblicazioni,
documenti, fotografie, filmati – in primo luogo quelli realizzati a livello nazionale nell’ambito delle
Celebrazioni per il 50° Anniversario dalla morte di DiVittorio – con l’obiettivo di riprodurre gli stessi
in digitale per una fruizione sul web, ma anche per presentarli in occasione di dibattiti, incontri e
iniziative didattiche con gli Istituti scolastici del territorio.•

“CASADIVITTORIO.it“. Il sito web, attualmente vera ‘casa virtuale’ del progetto, inaugurato il
Primo Maggio del 2006, ha raggiunto i 23.000 accessi. L’obiettivo per il 2008 è l’implementazione
tecnologica e dei contenuti; l’aggiornamento e la costruzione di una struttura web interattiva;
la realizzazione di percorsi di “realtà virtuale“ per la visita online di mostre e percorsi territoriali
attraverso le città e le campagne del Protocollo “CASA DI VITTORIO”; la creazione di un team per
l’aggiornamento costante (finora l’aggiornamento è stato costantemente implementato dal Direttore
di progetto Rinaldi).

FASE 2

“NELLA TERRA DI DI VITTORIO”. Sostegno alla realizzazione di un percorso di turismo culturale e
scolastico, in collaborazione con associazioni, scuole, enti, aziende. Pubblicazione di un quaderno
didattico con note storiche, fotografie, brevi testimonianze, percorsi storici, culturali, ambientali,
gastronomici. Creazione di un coordinamento organizzativo con un proprio spazio web all’interno
del sito Casadivittorio.it. (referenti: Associazioni culturali, proprietà della Masseria Durante in agro
di Orta Nova), Casa Circondariale di Lucera, famiglia proprietaria casa natale di Di Vittorio, vecchie
Camere del Lavoro, sede provvisoria “CASA DI VITTORIO”, aziende agrarie, ecc.).

“LA BIBLIOTECA DI CASA DI VITTORIO”. Realizzazione della collana editoriale “La Biblioteca
di Casa Di Vittorio” per proporre materiali inediti, ricerche, tesi di laurea innovative sui temi e
gli argomenti del progetto Casa Di Vittorio. In parallelo con la pubblicazione dei volumi anche
i “quaderni”, che saranno pubblicati a sostegno e documentazione delle iniziative e degli
eventi “CASA DI VITTORIO”. Si prevedono 4 quaderni e 2 volumi per l’anno 2008.

FASE 3

“LA STORIA FILMATA”. Proseguimento della ricerca storica relativa al campo di concentramento
femminile di “Rieucros” che si trova in Francia nella regione della Lozère. In questo campo durante
la seconda guerra mondiale furono ristrette alcune militanti antifasciste italiane tra le quali Teresa
Noce, Anna Maria Montagnana, Baldina Di Vittorio, Lina Fibbi, Anita Contini Di Vittorio, Elettra
Pollastrini, Poldina Usai. In questo campo vi erano anche donne militanti di altri paesi europei. La
ricerca si sta avvalendo di testimonianze, immagini, lettere, appunti, documenti, riprese sui luoghi
della memoria. Gli esiti della ricerca stanno confluendo nel documentario cinematografico diretto
da Chiara Cremaschi. Nel 2007 è stato concesso il sostegno alla produzione del cortometraggio
(a cura della FARGOFILM di Torino) che ha ottenuto anche un contributo dalla Piemonte Film
Commission. Il documentario sarà presentato in anteprima in Puglia e sarà oggetto di dibattiti e
presentazioni nelle scuole.
Presentazioni pubbliche del documentario “PASTANERA” di Alessandro Piva, basato sulla ricerca di
storia orale condotta da Giovanni Rinaldi sull’accoglienza familiare nell’Italia degli anni ’50, realizzato
con il sostegno del Progetto Casa Di Vittorio 2006.
“LA MEMORIA DELL’ARTE”. Recupero, restauro e ricollocazione Murale “Giuseppe Di Vittorio”
(realizzato nel 1975 dal Centro di Arte Pubblica Popolare di Fiano Romano diretto da Ettore De
Conciliis). Il progetto, su iniziativa dell’Istituto d’Arte di Cerignola, si svolgerà a cura degli studenti
per il restauro conservativo e per la progettazione della sua ricollocazione in sede da destinarsi.
Sarà coinvolto per le autorizzazioni e per la consulenza l’autore dell’opera Ettore De Conciliis. E’
previsto un seminario di De Conciliis per gli studenti dell’Istituto d’Arte e un incontro pubblico di
presentazione dell’iniziativa e dei suoi risultati. Sarà pubblicato un quaderno con la storia dell’opera,
la sua ideazione, realizzazione e la sua rappresenta-tività per la memoria dei protagonisti locali e
nazionali in essa raffigurati.

FASE 4

“PRIMO MAGGIO 2008“. Programmazione di numerose attività culturali, in coordinamento con la
CGIL nazionale che chiuderà a Cerignola (con gli altri Sindacati confederali CISL e UIL)con una
manifestazione nazionale unitaria le celebrazioni del 50° Anniversario dalla morte di Giuseppe Di
Vittorio. Le celebrazioni si sono tenute sotto l’Alto Patronato della Presidenza della Repubblica.
Particolare attenzione sarà data alla sollecitazione, al coinvolgimento e al sostegno agli Istituti
scolastici del territorio per avviare, nei mesi precedenti la celebrazione, un percorso didattico mirante
alla conoscenza storico-culturale dei temi e dei valori che scaturiscono dalla biografia stessa di
Giuseppe Di Vittorio e dei lavoratori che in lui si vedevano rappresentati. Al centro delle iniziative
una grande mostra storico documentaria organizzata con l’adesione della CGIL nazionale che aprirà
il suo archivio per permettere la presentazione di documenti e fotografie inediti. La mostra, curata da
Giovanni Rinaldi, avrà la supervisione della Sen. Baldina Di Vittorio. La mostra sarà allestita in modo
da permettere la sua successiva utilizzazione come spazio espositivo permanente della costituenda
Casa Di Vittorio.

• “LEGGERE LA FATICA DI LEGGERE”. Rassegna letteraria – inserita nel programma
nazionale “Ottobre piovono libri” – che nel 2008 raggiunge la III Edizione (le prime due edizioni
hanno avuto il sostegno e la promozione del MiBAC e dell’ANCI). Iniziativa itinerante nei Comuni del
protocollo “CASA DI VITTORIO” con incontri di lettura (e musica) di autori noti (romanzieri, artisti,
attori) che si confrontano con chi non ha fatto della letteratura la sua professione (dal bracciante
all’operaio ai nuovi lavoratori a tempo), ma desiderio di riscatto e di affermazione della propria
dignità umana e sociale. “Leggere Di Vittorio“ sarà il leitmotiv dell’iniziativa, chiamando artisti e
letterati a leggere e interpretare il pensiero e le parole del leader sindacale. Una biografia raccontata
a più voci -alcune note e altre meno- e in più sedi: gli incontri, con parole e musica, si svolgeranno
nei luoghi di lavoro (aziende agricole, masserie, frantoi, molini).

Canale YouTube

canale You Tube

Ricercaicona ricerca nel sito