“Giuseppe Di Vittorio” (murale di Ettore De Conciliis, 1975)

Centro di Arte Pubblica Popolare di Fiano Romano diretto da Ettore De Conciliis
Cerignola, 1975

Negli anni ’80 l’opera viene rimossa a causa dei lavori di ristrutturazione della piazza dove era collocata. Non sarà mai più recuperata. Una parte dei pannelli che la componevano sono collocati negli scantinati del Municipio.

murale dedicato a Di Vittorio

Negli anni ’80 l’opera viene rimossa a causa dei lavori di ristrutturazione della piazza dove era collocata. Non è stata più recuperata. La punta più alta di questo lavoro raggiungeva da terra 10 metri e tutta la superficie dipinta era di circa 150 metri quadrati. Una parte dei pannelli che la componevano furono collocati in diverse sedi, tra cui gli scantinati del Municipio. Molti pannelli sono andati dispersi e la struttura portante distrutta.

Racconta Giovanni Rinaldi:
Nell’ambito del lavoro che ho svolto per il Comune di Cerignola con il progetto Casa Di Vittorio sono riuscito a recuperare le parti residue di tutta l’opera. Sono state nel febbraio 2008 trasferite in un’unica sede, il deposito comunale. Ho fotografato tutto il trasferimento e il recupero. Ho poi proposto di coinvolgere anche l’Istituto d’Arte di Cerignola nel lavoro di inventario di quanto rimasto ed eventuale recupero e proposta di conservazione o riproposta creativa, non potendo pensare di ripristinarlo così com’era. L’importante, credo, è che non sparisca nuovamente. Contatti sono stati presi (marzo 2009) con alcuni degli autori dell’opera (in particolare con Rocco Falciano). Su Facebook un gruppo è sorto, dedicato alla riscoperta di questa opera. Sono felice che questo gruppo ne parli e ne discuta.

Ettore de Conciliis nasce nel 1941 ad Avellino. Studia Architettura all’Università di Napoli e di Roma dal 1958 al 1963. Nei successivi dieci anni si dedica alla pittura di murali, ricevendo committenze in città italiane come Avellino, Mantova, Modena, Reggio Emilia, Bari ed in Sicilia. Proprio in Sicilia, realizza al Borgo di Dio di Trappeto – l’Università Popolare di Danilo Dolci – le pitture murali contro la repressione, il potere mafioso e la cultura della morte. Nel 1971 va in Messico per approfondire la sua conoscenza sulle tecniche della pittura murale con David Alfaro Siqueiros. Ritorna in Italia nel 1972 e fonda il Centro Arte Popolare a Fiano Romano, dove si dedica alla pittura murale. Nel 1975 realizza con il Centro l’innovativo murale dedicato a Giuseppe Di Vittorio, a Cerignola. Nel 1979 risiede a New York City per un anno. Si distacca dalle pitture di grande dimensione dei murali (come il murale di 120 metri quadrati nella Chiesa di San Francesco ad Avellino), per concentrarsi su una più intima esplorazione del paesaggio e della natura morta. Nel 1980 la Regione Sicilia gli commissiona il progetto Memoriale di Portella della Ginestra, a nord di Palermo, dove progetta e costruisce il primo esempio di monumento extra urbano di land-art in Italia.
Dal 1980 ad oggi, de Conciliis si specializza nel dipingere paesaggi e nature morte. E’ ispirato da motivi e soggetti naturali della valle del Tevere a nord di Roma, dell’Umbria e del Veneto, fino a quelli delle coste del nord-est e del nord-ovest negli Stati Uniti. Nel 1988 riceve il riconoscimento di una mostra retrospettiva nel Museo di Roma a Palazzo Braschi. Per otto anni, dal 1988, il suo lavoro è rappresentato negli U.S.A. dalla Hammer Gallery di New York che pubblica una monografia sulla sua opera, Ettore de Conciliis, stampata dalla Arnoldo Mondadori, con saggi critici degli storici dell’arte Donelson Hoopes e Maurizio Marini. Il lavoro di de Conciliis è rappresentato in Italia dal 1992 dalla Galleria Italarte di Roma e Milano. Dal 1995 è rappresentato negli U.S.A. dalle Hollis Taggart Galleries di New York e Washington. Ettore de Conciliis attualmente vive e lavora a Fiano Romano, a nord di Roma, dove ha il suo studio

Capannone di Fiano Romano e l’opera installata in piazza Repubblica

Di seguito le immagini riprese nel capannone di Fiano Romano durante la realizzazione dei pannelli.

    

Alcune immagini dell’opera completa appena installata, nel 1975, in Piazza della Repubblica a Cerignola.

  

Foto gentilmente concesse da Costantino Caputo.

L’attuale Sindaco di Cerignola, Matteo Valentino, si è impegnato per il recupero di quanto resta dell’opera. Il progetto Casa Di Vittorio aveva inserito questo obiettivo tra le sue priorità. Oggi è l’Associazione Casa Di Vittorio che potrà proseguire su questa strada.

Un  documento importante è il dialogo davanti all’opera, nel cantiere di Fiano Romano, tra Carlo Levi ed Ettore De Conciliis.

Canale YouTube

canale You Tube

Ricercaicona ricerca nel sito